18/05/2011

Radioamtore a impatto 0 con 35 mq di pannelli sul tetto

Con 4,92 kWh installati sul tetto di casa autonomo nei consumi, anche per hobby, con il via libera della Soprintendenza

Tipologia: Impianto domestico
Dati Impianto: ▪ Committente: Privato ▪ Potenza: 4,92 kWp ▪  Mq impianto: 35 mq ▪ Moduli FV: 24 S-ENERGY E MODELLO 205PA8  ▪ Inverter: 1 SMA SB5000TL 20

Ubicazione:  Bolzano Bellunese (BL)

Descrizione: Un impianto domestico voluto dal committente per rendersi autonomo nei consumi attraverso un modo pulito di fare energia, con una piccola variabile rispetto ai classici 3 kWh.

In questo caso, infatti, la richiesta del committente era di rendere “green” anche l’hobby del padrone di casa, un radioamatore che nella propria abitazione colleziona da anni radio e strumentazioni per comunicazioni radio. Da qui la richiesta e il calcolo della disponibilità di un voltaggio superiore che gli consentisse di alimentare l’amata passione, oltre che i consumi ordinari, sempre grazie all’energia prodotta da pannello fotovoltaico.

Stimato in 4,92 kWh il fabbisogno dell’unità domestica, New Light ha curato la messa in opera dell’impianto scegliendo in questo caso il classico impianto a tetto:  i moduli fotovoltaici sono stati fissati sulla superficie della copertura con un sistema sottotegola sulla falda sud del tetto dell’abitazione.

Nessuna necessità di applicare soluzioni speciali dal punti di vista tecnico, la parte che ha invece richiesto un iter particolare è stata quella riguardante le autorizzazioni: la zona in cui sorge la casa è sottoposta a vincolo idro-geologico secondo i parametri indicati dalla legge Galasso (n. 431, 8 agosto 1985).

Dal punto di vista operativo  questo ha comportato tempi più lunghi per  la parte amministrativa e burocratica legata alla realizzazione dell’impianto.  La Soprintendenza di Venezia, fatte le necessarie verifiche, ha dato il suo benestare valutando l’impianto idoneo e rispettoso delle caratteristiche indicate dalla legge Galasso e, passati i tre mesi di attesa, l’installazione e la messa in opera dell’impianto sono state effettuate in soli tre giorni.

Dallo studio di fattibilità l’impianto avrà una produttività di  5400 kWh l’anno  e consentirà al committente di avere piena autonomia nei consumi sia domestici che legati al suo hobby, consentendogli al tempo stesso di tutelare ance quei valori legati alla sostenibilità, al risparmio e all’ambiente che aveva messo in evidenza nel momento in cui ha contattato New Light per fare richiesta del progetto.Un impianto entrato in funzione in uno dei momenti senza dubbio più tormentati del FV in Italia, che diventa in qualche modo espressione di una sensibilità rispetto alle tematiche ambientali ed energetiche che va al di là del mero calcolo economico, a testimonianza di una coscienza e di una responsabilità nei consumi che va sempre più diffondendosi proprio nell’amministrazione della vita di tutti i giorni.

Particolarità:  Il vincolo idro-geologico: come spesso accade in provincia di Belluno, anche questo impianto si trova collocato in un’area assoggettata ai vincoli di tutela idro-geologica previsti dalla legge Galasso n. 431, 8 agosto 1985. Ai fini operativi questo non comporta particolari problemi, se il progetto è strutturato in maniera oculata e si conoscono gli iter burocratici. L’unica accortezza che il cliente non deve mai perdere d’occhio è ricordare che deve attendere i tempi richiesti dalla burocrazia per fare il suo corso.

Torna indietro